Come calcolare la data di nascita del bambino

Sapere esattamente o anche approssimato la data di nascita del vostro bambino non è solo interessante ma anche necessario, così i medici saranno in grado di controlare come si sviluppa il bambino nel grembo materno, affinchè nasca senza problemi e patologie.

Istruzione:

1.Il modo più semplice per determinare la data di nascita del vostro bambino, è ricordare la data del rapporto sessuale, alla quale è sufficiente aggiungere 280 giorni. Ma dovete considerare che gli spermatozoidi nel corpo femminile possono vivere  per qualche giorno, quindi il giorno di concepimento ed il giorno del rapporto sessuale possono non coincidere.

2. Di solito la data di nascita viene determinata con calcolo della data dell’ovulazione, poichè solo in questo periodo la donna può essere fecondata. Tenete conto che ogni donna ha il proprio ciclo, che dura dai 28 ai 40 giorni, in alcuni casi anche di meno o di più, perciò anche la data dell’ovulazione è diversa in goni caso. In genere la data dell’ovulazione è a metà del ciclo, ma non sempre l’organismo di una donna funziona come un orologio.
3. I ginecologi, in genere, per determinare la data di nascita usano la formula di Naegele. Anche voi potete usare questo metodo. Dal primo giorno dell’ultima mestruazione sottraete 3 mesi e aggiungete 7 giorni. Ma anche in questo caso la precisione del metodo dipende dalla frequenza e durata del ciclo.
4. Il metodo più sicuro ed accurato si ritiene l’ultrasuono nei primi 3 mesi di gravidanza. Se il vostro termine di gravidanza supera le 12 settimane, allora il calcolo potrebbe essere sbagliato, siccome i bambini dopo la dodicesima settimana si sviluppano in modo individuale.
5. Un ginecologo esperta potrebbe determinare una data approssimativa in base alle dimensioni dell’utero.
6. Se avete un ciclo instabile e non sapete il giorno del concepimento, allora potete usare il metodo del calcolo partendo dal primo movimento del vostro bambino nel grembo. In genere la donna incinta incomincia a sentire i movinenti del bambino alla 20a settimana, con la prima gravidaza, e alla 18a con le gravidanze successive. Però questo metodo di solito non viene preso in considerazione dai dottori, poichè le donne spesso tendono a confondere i disturbi intestinali con movimento del bambino. Inoltre, tutte le donne gravide sono sensibili in modi diversi.
Comunque, in qualsiasi caso, con certezza nessuno può calcolare la data precisa del parto. Solo una minoranza di donne partorisce in tempo prestabilito. Ci sono molti fattori, che possono influenzare il termine di nascita – numero di gravidanze, la pressione arteria, diabete, polidramnio, ecc… Pertanto, il parto continua ad essere il più alto mistero della natura, anche nel 21° secolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.