Maschietto o femminuccia? Metti alla prova la teoria del rinnovamento del sangue

Esistono molteplici modi per determinare il sesso del feto, ma l’unico metodo sicuro rimane comunque l’ecografia. In qualunque caso, le future mamme, che non possono aspettare alla 12-14ma settimana (è il termine al quale si potrebbe scoprire il sesso del feto, anche se per esserne più sicuri è meglio aspettare qualche settimana in più), possono mettere alla prova la teoria del rinnovamento del sangue.

Il metodo del rinnovamento del sangue è molto popolare nel mondo, facile, disponibile e gratuito. Innanzitutto, si presume che il sangue di ogni persona si rinnova con una certa periodicità. Rinnovamento del sangue per gli uomini avviene ogni 4 anni, per le donne – ogni 3 anni. Di chi il sangue sarà “più giovane” al momento del concepimento – di quel sesso nascerà il futuro figlio. Facciamo un semplice esempio dei futuri genitori:

Donna (la futura mamma) ha 27 anni, mentre uomo (futuro papà) ha 29 anni.

Prendiamo l’età della donna e dividiamola per 3 – 27:3= 9,0 (dove il resto è zero)

Prendiamo l’età dell’uomo e dividiamola per 4 – 29:4=7,25 (dove il resto è 0,25)

Il resto più grande è del padre, quindi il suo sangue è più giovane e si presume la nascita del maschio.

Tenete conto di alcune sfumature! Se qualcuno dei genitori nel passato ha subito la perdita del sangue: intervento chirurgico, parto, trasfusione o donazione del sangue, o perdita per altri motivi; allora per il punto di partenza del calcolo non si deve prendere la data di nascita del futuro genitore, ma la data dell’ultima perdita del sangue. Ad esempio, se una donna ha partorito il primo figlio 5 anni fa ( si prendono in considerazione gli anni compiuti), allora 5:3=1,6 (dove il 0,6 sarà il resto).

In qualunque caso, è una teoria piuttosto controversa e non ha delle approvazioni scientifiche. E’ solo pura teoria.

Noi auguriamo alle future mamme di avere figli SANI e di non dare importanza al sesso del bambino, poiché amerete i vostri bambini di qualunque sesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.